Umberto Bossi incontrerà Dionigi Tettamanzi ma la curia smentisce la notizia

Non tutto ciò che viene fatto attorno al Vaticano è sbagliato. Anzi. Per alcuni esponenti politici le massime cariche ecclesiastiche dovrebbero persino diventare dei modelli e non solo dei nomi da sventolare per commentare l’ennesimo imbarbarimento della società italiana.Per capirlo è sufficiente leggere come sta per finire l’immaginaria diatriba che è stata costruita attorno alcune



Non tutto ciò che viene fatto attorno al Vaticano è sbagliato. Anzi. Per alcuni esponenti politici le massime cariche ecclesiastiche dovrebbero persino diventare dei modelli e non solo dei nomi da sventolare per commentare l’ennesimo imbarbarimento della società italiana.

Per capirlo è sufficiente leggere come sta per finire l’immaginaria diatriba che è stata costruita attorno alcune recenti dichiarazioni del Ministro della Semplificazione, Roberto Calderoli. Secondo l’esponente leghista il Cardinal Dionigi Tettamanzi evangelizzerebbe un messaggio politico. E non il Vangelo.

Ebbene. Dopo aver capito che la boutade dell’illuminato compagno di partito fosse sbagliata, solo perché costruita attorno ad un tabù, Umberto Bossi ha fatto sapere che avrebbe visto l’Arcivescovo di Milano venerdì prossimo. Peccato che alla curia non sia ancora arrivato nessuna richiesta.

Confessarsi, nel caso, non sarebbe stato meglio per tutti? O davanti al fattore Chiesa ci si genuflette solo in prossimità di elezioni?

Calendario vuole che tra qualche giorno sia Natale. Onde evitare la moltiplicazione delle prime pagine sulle dichiarazioni dei colleghi di partito Umberto Bossi dovrebbe iniziare seriamente a spiegare a tutti i propri seguaci che è meglio non parlare dell’Immacolata Concezione della Madonna.

Che è un mistero. E tale deve rimanere.

A proposito di dubbi degni di Roberto Giacobbo, Roberto Calderoli su cosa sta lavorando?