Minareti: Corte Europea e ONU contro la Svizzera?

Dopo la messa al bando dei minareti la Svizzera rischia ora di mettersi nei guai con alcune istituzioni internazionali. Una di queste è proprio quella Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di cui molto si è parlato recentemente per la sentenza sul crocifisso nelle aule italiane. Ha scritto infatti il quotidiano tedesco Sueddeutsche Zeitung: La messa


Dopo la messa al bando dei minareti la Svizzera rischia ora di mettersi nei guai con alcune istituzioni internazionali. Una di queste è proprio quella Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di cui molto si è parlato recentemente per la sentenza sul crocifisso nelle aule italiane.

Ha scritto infatti il quotidiano tedesco Sueddeutsche Zeitung:

La messa al bando dei minareti costituisce anche una flagrante violazione della Convenzione Europea sui Diritti dell’Uomo. Non ci vorrà molto prima che qualcuno colpito dalla proibizione porti il caso di fronte alla Corte Europea dei Diritti Umani di Strasburgo, causando un imbarazzante condanna e forse l’espulsione della Svizzera dal Consiglio d’Europa

Anche l’autorevole settimanale Der Spiegel ha riportato le dichiarazioni del ministro degli esteri svedese Carl Bildt, secondo cui:

“Potrebbe benissimo essere messa in questione l’opportunità per l’ONU di svolgere incontri ed attività in Svizzera, anche se il Cantone di Ginevra è tra quelli che hanno votato contro la messa al bando dei minareti”

Dopo il risultato del referendum elvetico, la Lega Nord ha invocato a gran voce un’imitazione da parte dell’Italia. Su un punto i due paesi sono già “compagni di strada”: quello del conflitto endemico con le istituzioni internazionali.

Nella foto (tratta da Flickr) la Grande Moschea di Parigi, situata nel caratteristico Quartiere Latino.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Referendum

Tutto su Referendum →