Giallo di Caronia, legali: “Qualcuno poteva aiutare Viviana ma non l’ha fatto?” Procura: “Corpo già lì il 4 agosto”

Caronia, i legali della famiglia Parisi denunciano possibili omissioni e ritardi nelle indagini e nelle ricerche

Il 4 agosto, giorno successivo alla scomparsa di Viviana Parisi, il corpo della donna era già visibile ai piedi del traliccio vicino all’autostrada Messina-Palermo, nella medesima posizione in cui venne ritrovato quattro giorni dopo. Il corpo del figlio Gioele, di 4 anni, invece non era lì, non era vicino a quello della madre.

Così secondo gli accertamenti sulle immagini riprese dai droni dei vigili del fuoco. La procura di Patti, titolare dell’inchiesta sulla sorte di Viviana e del figlio, nel diffondere la notizia ha fatto sapere che l’analisi è stata affidata a un consulente geologo che ha passato al setaccio, fotogramma per fotogrammma, le immagini. Tracce di Gioele per ora non ne sarebbero emerse.

Viviana e il figlio scomparvero il 3 agosto scorso dopo un incidente sul quel tratto di autostrada. Le ricerche si concentrarono nelle campagne di Caronia dove la scorsa settimana, sono stati rinvenuti, al 99%, anche i resti del piccolo Gioele.

Dal suicidio della donna a seguito di un’accidentale morte del figlio, alla fatale caduta dal traliccio sui cui Viviana sarebbe salita per cercare Gioele, e fino all’aggressione da parte di cani, nessuna ipotesi sembra essere del tutto esclusa dagli investigatori.

Intanto i legali della famiglia della donna insistono sui ritardi nei soccorsi. Stamattina gli avvocati Pietro Venuti e Claudio Mondello hanno presentato in procura a Patti una querela contro ignoti per presunte omissioni durante le indagini e presunti ritardi nelle ricerche.

“Chiediamo chiarimenti dal momento in cui Viviana ha avuto l’incidente stradale il 3 agosto fino a quando, cinque giorni dopo, è stato trovato il suo corpo e poi i resti, probabili del figlio, il 19 agosto”. L’intento della querela è quello di capire “se da parte di chi ha assistito all’incidente ci sono state omissioni. Magari qualcuno poteva aiutare Viviana e non l’ha fatto”.

I Video di Blogo

Gli ultimi minuti di vita di George Floyd