E’ crisi al comune di Napoli: il 30% delle sedute salta per mancanza del numero legale

La situazione al comune di Napoli continua a peggiorare: la maggioranza che sostiene il sindaco Rosa Russo Iervolino è in crisi totale. Da quando c’è stato il rimpasto, successivo all’inchiesta Romeo-Global Service che ha visto indagati numerosi membri della giunta e consiglieri, l’attività del consiglio comunale è praticamente ferma.Circa il 30% delle sedute (29 su


La situazione al comune di Napoli continua a peggiorare: la maggioranza che sostiene il sindaco Rosa Russo Iervolino è in crisi totale. Da quando c’è stato il rimpasto, successivo all’inchiesta Romeo-Global Service che ha visto indagati numerosi membri della giunta e consiglieri, l’attività del consiglio comunale è praticamente ferma.

Circa il 30% delle sedute (29 su 102) è saltato per la mancanza del numero legale . E’ in atto l’ennesima verifica politica interna alla maggioranza ma il vaso sembra ormai colmo e l’Idv chiede il voto

In Campania la classe politica è completamente delegittimata. C’è una questione morale e politica. Questa è solo l’ultima dimostrazione. Prima si va al voto e meglio è

La maggioranza traballa pericolosamente e le continue assenze non fanno che dare un’immagine negativa al parlamentino comunale come segnala il Presidente del Consiglio Comunale, Impegno

La mancanza del numero legale rappresenta una delle pagine più brutte di questa consiliatura. Devo constatare che parte dei consiglieri comunali non vogliono comprendere il danno che fanno a se stessi consentendo il perdurare di una situazione che rende poco efficace la loro stessa azione di eletti del popolo

I rumors indicano che, dietro le assenze, ci sia la volontà della coalizione che sostiene il sindaco di ricattarla e chiedere che siano tolte le deleghe agli assessori non politici. Non si capisce comunque perchè la Iervolino non faccia un passo indietro. Tra l’altro già a luglio, dopo l’ennesima mancanza di numero legale, aveva minacciato le dimissioni.

La situazione non è affatto cambiata, anzi è addirittura peggiorata. Un consiglio paralizzato che non decide quasi nulla (in una città che avrebbe bisogno di interventi) e una maggioranza sempre più confusionaria. Intanto il gradimento per il sindaco non cessa di calare e andando avanti così, alle prossime elezioni cittadine, il centrodestra potrebbe vincere. Iervolino e soci continueranno a litigare e farsi i dispetti ancora a lungo? O si renderanno conto che non ci sono più spazi per andare avanti?