Graziano Mesina in fuga dopo condanna definitiva a 30 anni

Graziano Mesina, ex primula rossa del banditismo sardo, è ricercato dai carabinieri dopo la condanna in Cassazione a 30 anni

Graziano Mesina si è reso irreperibile dopo la condanna in Cassazione a 30 anni per associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti. Dopo la sentenza, i carabinieri si sono presentati presso l’abitazione dell’ex primula rossa del banditismo sardo ad Orgosolo, ma Mesina non c’era. Già ieri pomeriggio, dopo il pronunciamento della Cassazione, il 78enne non si è presentato presso la stagione dei carabinieri per la firma.

Dopo la condanna d’appello, Mesina era stato scarcerato per decorrenza dei termini. Stando a quanto risultato dalle indagini della Dda di Cagliari, l’uomo sarebbe stato il capo di due gruppi criminali attivi soprattutto in due zone della Sardegna per l’approvvigionamento di droga. Rigettato il ricorso dei legali di Mesina, è decaduta in via definitiva la grazia concessa dal presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi nel 2004.