Usa, nuovo video shock: 27enne ispanico morto durate un arresto. Dimessi i tre agenti

La vittima è Carlos Ingram Lopez. Il video risale al 21 aprile 2020.

Negli Stati Uniti continuano a spuntare casi di persone morte durante l’arresto. Questa volta la vittima è un ispanico di 27 anni, Carlos Ingram Lopez, e l’episodio risale allo scorso 21 aprile. È successo a Tucson, in Arizona, e il video che è stato diffuso e che finora era rimasto inedito è stato girato dalle body-cam degli stessi agenti che hanno eseguito l’arresto.

Chris Magnus, capo della polizia di Tucson, ha comunicato che i tre poliziotti coinvolti si sono dimessi e che lui stesso ha offerto le sue dimissioni. Nel video si vede che Lopez è stato ammanettato e ha più volte chiesto dell’acqua, sia in inglese, sia in spagnolo, inoltre ha invocato sua nonna. Gli agenti lo hanno tenuto a faccia in giù, in una posizione di costrizione, per circa 12 minuti.

Il ragazzo è morto, secondo quanto emerso dall’autopsia, per una combinazione di costrizione fisica, arresto cardiaco e complicazioni dovute e intossicazione da cocaina. Mentre era in quella posizione ha più volte detto di non riuscire a respirare, ma gli agenti non hanno mollato la presa. Il capo della polizia ha detto che i poliziotti che hanno arrestato Lopez non hanno usato prese di soffocamento, ma hanno in ogni caso violato le linee guida del loro addestramento, perché hanno tenuto il ragazzo in posizione di costrizione fisica per troppo tempo.

I Video di Blogo

Video inedito del Daily Mail sull’arresto di George Floyd