Coronavirus, decessi sotto quota 100: il bollettino di oggi 18 maggio

I dati della Protezione civile di oggi 18 maggio confermano un trend in miglioramento, Boccia: non abbassiamo la guardia

Continua il calo dei contagi e dei ricoveri mentre i decessi di pazienti positivi al Covid-19 scendono per la prima volta dal lockdown sotto quota 100 (99) nelle ultime 24 ore. Così secondo il bollettino della Protezione civile di oggi 18 maggio 2020 sull’epidemia di coronavirus in Italia.

In 7 Regioni (Basilicata, Calabria, Molise, Umbria, Valle d’Aosta, Sicilia, Marche) e nella Provincia autonoma di Trento non si registra nessuna vittima in 24 ore. In base ai dati forniti nel primo giorno della fase due bis, i soggetti attualmente positivi sono in tutto 66.553, -1.798 unità su ieri. I ricoverati con sintomi sono 10.207, -104 in 24 ore, e i pazienti in terapia intensiva 749, -13 in un giorno.

In isolamento domiciliare ci sono ad oggi 55.597 persone, senza sintomi o con sintomi lievi. I guariti aumentano invece nell’ultimo giorno di 2.150 unità, 127.326 in totale. Da inizio emergenza in Italia i casi complessivi, compresi deceduti e guariti, sono 225.886 (+451 su ieri). 32.007 in tutto i decessi da inizio epidemia. 3.041.366 i tamponi totali fatti, quelli testati sono 1.959.373.

Il quadro delineato dai dati della Protezione civile conferma un trend in miglioramento ma il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia invita a non abbassare assolutamente la guardia, perché queste saranno le due settimane più importanti: “Dobbiamo essere tutti molto preoccupati perché la settimana che sta iniziando sarà la più difficile”.

Secondo il ministro: “Questa e la prossima settimana saranno cruciali per capire se e come riusciremo a convivere con il Covid-19”. Boccia ha ribadito anche che se si dovesse superare il livello di allerta in alcune regioni e queste “non chiudono, può intervenire lo Stato”. Giovedì ci sarà una nuova riunione con le Regioni “con nuove proposte unitarie, come l’azzeramento dei tempi delle procedure amministrative” ha aggiunto Boccia.

I Video di Blogo

Video, proteste a Milano: il piccolo (ma rumoroso) corteo in Corso Buenos Aires