Coronavirus: il “paziente uno” in Lombardia dimesso entro lunedì

Il 38enne di Codogno, paziente uno in Lombardia, è uscito dalla terapia intensiva e lunedì dovrebbe essere dimesso dall’ospedale San Matteo di Pavia

Coronavirus, il paziente uno in Lombardia, ovvero il 38enne di Codogno, ha lasciato la terapia intensiva venerdì e al più tardi lunedì sarà dimesso dall’ospedale San Matteo di Pavia. L’annuncio è stato dato dall’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera: l’uomo era stato ricoverato esattamente un mese fa. La moglie era risultata ugualmente positiva al COVID-19, ma era già guarita ed è stata dimessa molto prima del marito. Dopo aver dato l’informazione relativa al paziente uno, Gallera ha aggiunto che la Regione Lombardia “si aspetta una riduzione dei contagi da lunedì in poi. Dobbiamo continuare a essere estremamente diligenti e determinati nel nostro proposito”.

Purtroppo, contestualmente alla buona notizia delle dimissioni, per il 38enne di Codogno ce n’è anche una pessima: il padre è deceduto nelle stesse ore proprio per Coronavirus ed è una delle 62 vittime totali di Castiglione d’Adda.

I Video di Blogo