Corruzione, Paolo Berlusconi condannato in appello per il Golf Club di Tolcinasco: risarcirà 11 milioni

11 milioni di euro di risarcimento al Comune di Pieve Emanuele: questa la condanna d’Appello per Paolo Berlusconi, fratello minore dell’ex primo ministro Silvio.

Paolo Berlusconi è stato condannato in Appello a risarcire 11 milioni di euro al Comune di Pieve Emanuele (Mi): la condanna è inerente ad alcuni episodi di corruzione per la costruzione del Golf Club di Tolinasco, in cui sarebbero coinvolti anche ex-amministratori di Dc, Psi e Pci.

Berluisconi, con la Società Europea Golf, sono stati condannati dalla corte d’Appello civile di Milano a versare, per l’esattezza, 11 milioni 111.500 euro, oltre 6 in più rispetto al primo grado: la sentenza, depositata oggi, parla di una maxi tangente agli inizi degli anni ’90 per la costruzione del Golf Club di Tolinasco che poi fu effettivamente realizzato e inaugurato nel 1993, con green e circa 200 camere per i giocatori.

Secondo la sentenza metà del risarcimento dovrà essere pagato dai politici dell’epoca, prescritti però dal 2001.

Gli altri imputati (erano circa un centinaio alla chiusura delle indagini della procura), tra cui Paolo Berlusconi, hanno preferito la linea del patteggiamento. Il fratello del leader del Pdl fu accusato, e condannato, per avere pagato insieme a Sergio Roncucci un miliardo e 100 milioni per poter costruire il centro sportivo. La condanna fu di un anno di reclusione per corruzione, divenuta definitiva in Cassazione il 6 maggio 1998.

Oltre agli episodi di corruzione la sentenza ravvisa anche dei danni all’orografia del paesaggio ed all’ambiente, il tribunale parlò anche di irreversibile modifica dell’intero patrimonio idrogeofaunistico legato all’edificazione del mastodontico Golf Club.

© Foto Getty Images – Tutti i diritti riservati

Ultime notizie su Inchieste e processi

Tutto su Inchieste e processi →