Parigi: bambino trovato morto nel carrello di un aereo proveniente dalla Costa d’Avorio

Parigi: Air France ha confermato la morte di “un passeggero clandestino” deplorando l’accaduto. L’aereo era partito dalla Costa d’Avorio

L’ultima tragedia della disperazione relativa al fenomeno migratorio va in scena in Francia e riguarda un minore, un bambino di “circa 10 anni” il cui corpo senza vita è stato ritrovato nel carrello di atterraggio di un aereo partito da Abidjan, in Costa d’Avorio, e atterrato stamane a Parigi, all’aeroporto Roissy-Charles de Gaulle.

La notizia è stata diffusa dalla polizia d’Oltralpe e la compagnia aerea interessata, Air France, ha confermato la morte di “un passeggero clandestino” deplorando l’accaduto. Quando un aereo di linea raggiunge la quota di crociera di 9-10.000 metri, la temperatura tocca i -50°. I carrelli di atterraggio dei velivoli non sono pressurizzati o riscaldati.

L’agenzia France Presse, riferendo di fonti governative ivoriane, parla di “falla primaria” nella sicurezza dell’aeroporto di Abidjan, falla all’origine del “dramma umano”. La morte del bambino, che forse voleva raggiungere dei parenti a Parigi, dove la comunità ivoriana è consistente, sarebbe sopraggiunta per assideramento.

Non è il primo caso. Negli ultimi anni soprattutto diversi adolescenti provenienti dall’Africa sono stati ritrovati morti all’atterraggio per il freddo o perché schiacciati dai meccanismi del carrello.

A luglio 2019 un migrante imbarcatosi nel vano carrello di un aereo in volo da Nairobi a Londra (9 ore) era precipitato durante l’atterraggio.

I Video di Blogo