Imperia: picchiava e seviziava l’anziana madre, in manette il 47enne Alessandro Iapichello

Sono migliorate, nelle ultime ore, le condizioni dell’80enne Grazia Tagna, residente a Bordighera, in provincia di Imperia, picchiata e seviziata per quasi due anni dal figlio Alessandro Iapichello, 47enne pregiudicato per reati contro il patrimonio.Iapichello, arrestato in flagranza di reato con l’accusa di maltrattamenti e lesioni personali, da circa due anni era tornato a vivere


Sono migliorate, nelle ultime ore, le condizioni dell’80enne Grazia Tagna, residente a Bordighera, in provincia di Imperia, picchiata e seviziata per quasi due anni dal figlio Alessandro Iapichello, 47enne pregiudicato per reati contro il patrimonio.

Iapichello, arrestato in flagranza di reato con l’accusa di maltrattamenti e lesioni personali, da circa due anni era tornato a vivere a casa dell’anziana madre e da quel momento per lei era iniziato l’incubo.

Si legge su SanremoNews:

Secondo il racconto dell’anziana, il figlio da quando avevano iniziato a convivere la nutriva poco o niente, era solito picchiarla con un bastone e spesso quando andava via la teneva legata polsi e caviglie in bagno. […] L’anziana è stata trovata in fin di vita, aveva perso 40kg arrivando a pesare 30 kg.


La vicenda è emersa grazie agli altri tre figli della donna, che da circa due anni non andavano a farle visita. Iapichello li ha contattati dicendo loro che la madre stava morendo, spingendoli così a raggiungere Bordighera,

I tre, vista la situazione, hanno dato l’allarme al 112 e fatto partire l’indagine. L’80enne, portata in Caserma, ha ricostruito gli ultimi due anni, raccontando ciò che era stata costretta a subire dal figlio.

Il motivo degli abusi? La pensione della donna, circa 500 euro al mese di cui Iapichello si appropriava puntualmente.

Ora, si legge su Riviera24, il 47enne si trova in carcere, mentre le condizioni di Grazia Tagna sono migliorate:

Intanto la signora Tagna si trova ora in cura in Ospedale dove le è stato diagnosticato un grave stato di malnutrizione, contusioni e traumi, guaribili in 30 giorni.