Morte Elisa Benedetti: i carabinieri di Perugia arrestano tre spacciatori

Tre ragazzi, un italiano e due tunisini, sono finiti in manette ieri pomeriggio a Perugia nell’ambito delle indagini sulla morte di Elisa Benedetti, la studentessa di 25 anni morta per assideramento in una zona boscosa nei pressi di Civitella Benazzone, a nord di Perugia.Si tratta di Ahmed Aouini, 26 anni, Simone Lillacci, 38 anni e


Tre ragazzi, un italiano e due tunisini, sono finiti in manette ieri pomeriggio a Perugia nell’ambito delle indagini sulla morte di Elisa Benedetti, la studentessa di 25 anni morta per assideramento in una zona boscosa nei pressi di Civitella Benazzone, a nord di Perugia.

Si tratta di Ahmed Aouini, 26 anni, Simone Lillacci, 38 anni e Habuab Awbab, 28 anni. Sarebbero stati loro, secondo gli inquirenti, a vendere l’ecstasy ad Elisa e alla sua amica Vanessa.

Al momento non è chiaro se l’assunzione di sostanze stupefacenti abbia in qualche modo contribuito al decesso della giovane.A chiarirlo saranno gli esami tossicologici, i cui risultati dovrebbero essere diffusi nel corso dei prossimi giorni.

Aouini e Lillacci sono accusati di spaccio di droga, mentre ad Awbab è stato contestato anche il reato di detenzione di stupefacenti.

In casa sua gli inquirenti hanno sequestrato 300 grammi di eroina e 50 mila euro in contanti.

Via | Umbria24