Niente carcere per Calisto Tanzi: lo ha deciso la quinta sezione penale della Cassazione

Calisto Tanzi, condannato a 10 anni di carcere per aggiotaggio, ostacolo all’attività degli organi di vigilanza e concorso in falso dei revisori e a 18 anni per bancarotta fraudolenta, non andrà in carcere.Lo ha deciso ieri la quinta sezione penale della Cassazione, che ha annullato il provvedimento del Tribunale del Riesame di Milano del 27


Calisto Tanzi, condannato a 10 anni di carcere per aggiotaggio, ostacolo all’attività degli organi di vigilanza e concorso in falso dei revisori e a 18 anni per bancarotta fraudolenta, non andrà in carcere.

Lo ha deciso ieri la quinta sezione penale della Cassazione, che ha annullato il provvedimento del Tribunale del Riesame di Milano del 27 settembre scorso, che aveva stabilito l’arresto dell’ex patron di Parmalat per pericolo di fuga.

I legali del 73enne aveva presentato ricorso, accolto ieri dai giudici della Cassazione che hanno deciso di disporre un nuovo esame.

Questo il commento del suo legale, Fabio Belloni:

E’ una decisione corretta le motivazioni della sentenza del Riesame sono certamente inidonee e insufficienti. E’ giusto che venga data un’altra valutazione.

Le motivazioni di questa decisione saranno depositate nei prossimi giorni. Nel frattempo Tanzi continua a risiedere nella villa della moglie ad Alberi di Vigatto.

Avendo più di settant’anni, si legge su Repubblica, Tanzi non dovrà scontare in carcere le condanne quando diventeranno definitive.

Ultime notizie su Inchieste e processi

Tutto su Inchieste e processi →