Omicidio Simonetta Cesaroni. Raniero Busco condannato a 24 anni di carcere

24 anni di reclusione: è questa la condanna stabilita oggi pomeriggio dalla terza sezione della Corte d’assise di Roma per Raniero Busco, accusato di essere l’assassino di Simonetta Cesaroni, la 21enne uccisa a Roma il 7 agosto 1990.La Corte, contrariamente a quanto chiesto dal pm Ilaria Calò in sede di requisitoria, ha concesso all’imputato le


24 anni di reclusione: è questa la condanna stabilita oggi pomeriggio dalla terza sezione della Corte d’assise di Roma per Raniero Busco, accusato di essere l’assassino di Simonetta Cesaroni, la 21enne uccisa a Roma il 7 agosto 1990.

La Corte, contrariamente a quanto chiesto dal pm Ilaria Calò in sede di requisitoria, ha concesso all’imputato le attenuanti generiche, compensando così l’aggravante della crudeltà.

Busco, ex fidanzato di Simonetta, dovrà inoltre versare una somma 100 mila euro alla sorella della vittima e 50 mila euro a sua madre. Nessun risarcimento, invece, per il Comune di Roma, che si era costituito parte civile.

Ultime notizie su Inchieste e processi

Tutto su Inchieste e processi →