Le pagelle del lunedì

Gianfranco Fini: autonomo. Voto + 8. Il presidente della Camera dice no al voto anticipato: “decreterebbe il fallimento della legislatura sia per gli elettori che per il Pdl”. E definisce “un delirio” la tesi del complotto contro il Premier. Fini c’è. Renato Brunetta: bacchettatore. Voto – 8. Il “piccolo” ministro non demorde e bacchetta a

Gianfranco Fini: autonomo. Voto + 8. Il presidente della Camera dice no al voto anticipato: “decreterebbe il fallimento della legislatura sia per gli elettori che per il Pdl”. E definisce “un delirio” la tesi del complotto contro il Premier. Fini c’è.

Renato Brunetta: bacchettatore. Voto – 8. Il “piccolo” ministro non demorde e bacchetta a destra e a manca. Dice no a D’Alema in Ue perché “post comunista, non socialdemocratico” e affonda il collega Tremonti: “E’ stressato”. Anche Brunetta c’è. Già.