Arizona, bimbo di 4 anni trova una pistola e uccide il padre

Un bimbo di 4 anni ha trovato una pistola in casa di un amico del padre e ha ucciso accidentalmente il genitore mentre maneggiava l’arma.

Ancora una tragedia negli Stati Uniti, l’ennesimo delitto destinato a riaccendere il mai sopito dibattito sull’uso delle armi e sulla facilità con cui è possibile procurarsele. Poche ore dalla strage che ha sconvolto la California, dall’Arizona arriva la notizia di un bambino di 4 anni che ha accidentalmente ucciso il padre con un’arma da fuoco.

Il bimbo e il genitore, Justin Stanfield Thomas, 35 anni, erano andati a fare visita a un ex coinquilino dell’uomo a Prescott Valley, nella contea di Yavapai, in Arizona. Una visita a sorpresa che non ha dato tempo al padrone di casa di mettere in ordine e rendere la casa il più possibile a prova di bambino.

Il piccolo stava giocando in salotto quando ha trovato la pistola, carica e incustodita, che l’uomo teneva a portata di mano. E’ stata una questione di istanti: il piccolo ha cominciato a giocarsi e ha rivolto l’arma contro il genitore. Quando Thomas si è accorto di cosa stava accadendo era ormai troppo tardi. Il bimbo ha rivolto l’arma contro il padre e ha premuto il grilletto.

Inutile il repentino intervento dei soccorsi, Justin Stanfield Thomas è deceduto poco dopo il suo arrivo in condizioni gravissime in ospedale. Gli inquirenti, subito allertati, hanno avviato un’indagine per omicidio, come prassi, ma a questo punto stanno soltanto cercando di capire come sia potuto accadere e chi vanno attribuite eventuali negligenze.

Un testimone ha raccontato a CBS5 che il proprietario dell’appartamento, un veterano della guerra in Iraq, si trovava ancora in pigiama quando è avvenuta la tragedia. La visita dell’uomo e di suo figlio non era stata concordata, ma saranno le autorità a stabilire la singole responsabilità.

Il bimbo, a quanto pare ignaro di tutto, è stato affidato alla madre.

Foto © Getty Images – Tutti i diritti riservati

I Video di Blogo

Gli ultimi minuti di vita di George Floyd