Potenza: sparo contro auto giornalista Nello Rega. Illeso

Notte di paura per il giornalista di Televideo Rai Nello Rega, autore del libro “Diversi e divisi” sulla convivenza tra musulmani e cristiani. Un colpo di pistola è stato sparato contro i vetri posteriori della sua auto a pochi chilometri da Potenza, sulla statale Basentana. Rega viaggiava da solo verso casa dopo aver trascorso una

di remar


Notte di paura per il giornalista di Televideo Rai Nello Rega, autore del libro “Diversi e divisi” sulla convivenza tra musulmani e cristiani. Un colpo di pistola è stato sparato contro i vetri posteriori della sua auto a pochi chilometri da Potenza, sulla statale Basentana.

Rega viaggiava da solo verso casa dopo aver trascorso una serata in compagnia di amici. Il proiettile secondo una prima ricostruzione dei fatti è stato esploso da un’automobile in corsa che ha speronato quella del giornalista. Rega ha pigiato sull’acceleratore ed è riuscito a raggiungere Potenza dove ha avvertito polizia e carabinieri.

«Chi ha sottovalutato il pericolo che correvo – ha detto all’Ansa il giornalista – ora deve fare un esame di coscienza. Sono terrorizzato e chiedo ancora una volta allo Stato di proteggermi adeguatamente. Tuttavia – ha concluso – non mollerò perchè non voglio rinunciare alla mia libertà di pensiero».

Rega dal 2009 ha denunciato di essere stato più volte minacciato dopo l’uscita del suo libro – “Divisi e diversi: diario di una convivenza con l’Islam” (edizioni Terra del sole). Il primo episodio il 24 settembre del 2009 quando il giornalista informò di aver ricevuto una busta con due proiettili, a tre giorni dalla presentazione del libro.

Il 27 novembre 2009 a Potenza una testa mozzata di agnello venne ritrovata all’interno della sua auto. Rega ha poi riferito di aver trovato altre buste con proiettili sulla sua auto, a Roma il 7 aprile 2010 nel parcheggio di Saxa Rubra, e nella cassetta della posta della sua abitazione, lo scorso 22 novembre. L’auto di Rega si trova ora in un deposito dei carabinieri dove i tecnici dell’Arma stanno procedendo agli accertamenti del caso.

Via | Il Quotidiano della Basilicata