Centrosinistra e Cinquestelle al Governo, Crocetta in Sicilia: «Un dialogo con Grillo è possibile. Telefonerò a Bersani per dirglielo»

Per il Presidente della Regione Sicilia il governo è possibile.

di

Rosario Crocetta, Presidente della Regione Sicilia, è stato intelligentemente intervistato su Metro da Sergio Rizza, per commentare il risultato delle elezioni politiche. Ma anche per lanciare lì un’idea che qua è balenata, per esempio, al sottoscritto (laddove mi chiedevo se fosse un’eresia o un’ipotesi concreta, un’alleanza fra il Cinquestelle e il centrosinistra).

A molti, come dicevo, la cosa sembrerà un’eresia, appunto. Eppure, Crocetta spiega che in Sicilia le cose vanno bene:

«Abbiamo avuto un rapporto splendido fin dall’inizio. Mi pareva assurdo che il M5S, il partito più votato in Sicilia, fosse escluso dai rapporti e dalle cariche istituzionali. Ci fu un tentativo della vecchia politica, in questo senso, per escluderli dalle mie commissioni, ma io mi opposi con tutte le mie forze».

Una ricostruzione, quella di Crocetta, che fa parte evidentemente di una pratica di buona politica. Ma non solo.

E’ una ricostruzione che parla anche di comunità d’intenti:

«Abbiamo cominciato col taglio ai privilegi, in un bilancio pieno di spese inutili. C’è stata intesa anche su provvedimeti di natura ambientale e di moralizzazione. Quasi tutti, direi, in definitiva».

Su Grillo, che, come noto, si è scambiato complimenti poco edificanti con Bersani, il Presidente della Regione Sicilia ha detto:

«Un dialogo con Grillo è veramente possibile».

Insomma, di fronte a questi presupposti che faranno, Centrosinistra e Cinquestelle?