Iraq: padre uccide figlia che voleva compiere attentato suicida

Ha ucciso la figlia, dopo aver scoperto che la ragazza aveva progettato di compiere un attentato suicida. È accaduto in Iraq a Baaquba, nella provincia sunnita di Diyala, dove la polizia ha trovato sepolto in un campo il corpo di una ventenne. Il padre della vittima è stato arrestato e avrebbe già confessato il delitto.


Ha ucciso la figlia, dopo aver scoperto che la ragazza aveva progettato di compiere un attentato suicida. È accaduto in Iraq a Baaquba, nella provincia sunnita di Diyala, dove la polizia ha trovato sepolto in un campo il corpo di una ventenne. Il padre della vittima è stato arrestato e avrebbe già confessato il delitto.

L’uomo, Najim Al-Anbaky, secondo quanto riportato da Al Sumariya News, aveva appreso che la figlia era entrata nell’organizzazione terroristica di Al Qaeda e che aveva un piano per farsi saltare in aria con un giubbotto esplosivo al mercato ortofrutticolo di Baaquba, ex roccaforte della guerriglia sunnita a nord di Baghdad.

Gli investigatori sarebbero riusciti a trovare il corpo della ragazza, uccisa circa un mese fa, solo grazie ad un’informativa dei servizi segreti. Dieci giorni fa in un attacco kamikaze a Balad Ruz, sempre nella provincia di Diyala, avevano trovato la morte 3 pellegrini sciiti, 13 i feriti.

Foto | Flickr