Roma, uomo sfigurato con l’acido: arrestata l’ex fidanzata

Un ragazzo romano di 32 anni è stato aggredito con dell’acido muriatico da uno sconosciuto. La sua ex fidanzata, Simona Cristiano, è stata arrestata oggi con l’accusa di essere la mandante.

Primo arresto per l’aggressione avvenuta a Roma lo scorso 30 aprile scorso, quando un ragazzo di 32 anni è stato raggiunto al volto e al torace dall’acido muriatico lanciatogli contro da uno sconosciuti mentre si trovava alla fermata del trenino Roma-Lido a Tor Pignattara.

Oggi, a distanza di un mese da quell’episodio, la presunta mandante è stata arrestata dagli agenti della Squadra Mobile di Roma. Si tratta di Simona Cristiano, 30 anni, ex fidanzata della vittima. Sarebbe stata lei, secondo gli inquirenti, a commissionare l’attentato e chiedere aiuto a un suo amico, identificato e attualmente ricercato dalle autorità.

Il motivo di tanta brutalità era chiaro fin dai primi istanti ed è stato confermato in queste ore, dopo l’arresto della giovane. Lei e lui si erano conosciuti sul posto di lavoro – entrambi infermieri in un ospedale della Capitale – e avevano cominciato una relazione, ma quando lui aveva deciso di interromperla, lei non era riuscita a rassegnarsi.

Ad indirizzare i sospetti sulla ragazza sarebbe stato un sms “di beffa” inviato alla vittima poco dopo l’aggressione. Dopo aver perseguitato il giovane per mesi e mesi, l’indagata ha messo in atto il diabolico piano. Per farlo, però, si è rivolta a qualcuno che sapeva non avrebbe rifiutato.

L’esecutore materiale, ora latitante, è ritenuto un individuo pericoloso, autore dell’omicidio della moglie quando questa lo aveva lasciato. Non è chiaro se l’uomo sia stato pagato o se abbia aggredito l’ex fidanzato della ragazza per farle un favore. Quello che è certo è che lei si trova ora dietro le sbarre, mentre lui è ricercato in tutto il Paese.