Andrea morto dopo il Tso: condannati psichiatra e tre vigili urbani

Torino:”Meno male che c’è stata la condanna perché l’arroganza di questi vigili andava punita” ha detto il papà di Andrea Soldi. Tutti gli imputati erano accusati di omicidio colposo

Per la morte di Andrea Soldi, il 45enne deceduto il 5 agosto 2015 in seguito a un Trattamento sanitario obbligatorio (Tso) il tribunale di Torino ha condannato i tre vigili urbani che avrebbero eseguito il trattamento e lo psichiatra che curava Andrea da quasi due anni perché affetto da schizofrenia.

A seguito dei quel Tso Andrea morì per soffocamento atipico secondo la consulenza medico-legale eseguita da Valter Declame per conto del pubblico ministero di Torino Raffaele Guariniello che ha coordinato le indagini. Tutti e quattro gli imputati erano accusati di omicidio colposo, le condanne richieste dalla pubblica accusa erano di un anno e sei mesi ciascuno.

Sia lo psichiatra che i tre vigili urbani erano presenti in aula stamattina alla lettura della sentenza. I legali dei condannati ora aspettano le motivazioni della sentenza, tra 60 giorni, per capire come comportarsi.

“Meno male che c’è stata la condanna perché l’arroganza di questi vigili andava punita”

ha detto il papà di Andrea commentando la sentenza, secondo quanto riferisce TgCom24.

Il tribunale di Torino ha demandato la quantificazione del risarcimento del danno in sede civile disponendo però due provvisionali subito esecutive, una a favore del padre di Andrea Soldi, di 220.000 euro, e una a favore della sorella, pari a 75.000 euro.

I Video di Blogo

Milano: scippo in diretta nella metropolitana (VIDEO)