Modena, 20enne ucciso e chiuso in un borsone: condannati cinque minorenni

Congliang Hu fu soffocato con un cuscino e chiuso in una valigia. Cinque cittadini cinesi di 17 anni sono stati condannati a 14 anni e 4 mesi di carcere.

Sono passati pochi mesi dal barbaro omicidio di Congliang Hu, il 20enne trovato morto in una valigia all’interno dell’abitazione di famiglia a Modena, e in queste ore si è già chiuso il processo di primo grado per i cinque responsabili, tutti cittadini cinesi di 17 anni.

A fare la macabra scoperta, poche ore dopo il delitto, erano stati sua madre, una cittadina cinese, e il compagno di lei, l’avvocato modenese Andrea Giberti. Il giovane, lo ha confermato l’autopsia, fu soffocato con un cuscino e chiuso in una valigia che si trovava già nella camera del giovane.

Alla base del gesto, secondo quanto ricostruito, la fine di una presunta relazione tra la vittima e uno degli assassini: Congliang Hu custodiva nel proprio cellulare le foto che avrebbero provato l’omosessualità del 17enne e avrebbe minacciato di diffonderle se quella relazione fosse finita. Da lì quella che secondo gli inquirenti è stata una vera e propria spedizione con l’obiettivo di uccidere il 20enne.

Nel corso del processo non si è riusciti ad accertare le singole responsabilità dei cinque minorenni e i giudici li hanno così condannati tutti alla stessa pena: 14 anni e 4 mesi di carcere. Le motivazioni della sentenza non sono state ancora rese note, ma i difensori dei giovanissimi hanno già annunciato l’intenzione di ricorrere in appello.

I Video di Blogo