USA: ritrovati quattro cadaveri nei pressi di New York, forse due sono già stati identificati

Ci sono ancora tantissimi punti oscuri sul ritrovamento, effettuato tra sabato e lunedì a Long Island, New York, di quattro cadaveri in avanzato stato di composizione. Si tratta presumibilmente di quattro prostitute, uccise nei mesi scorsi e recentemente scaricate da un’auto in corsa non lontano dalla Jones Beach. A causa dell’avanzata decomposizione, l’identificazione delle quattro


Ci sono ancora tantissimi punti oscuri sul ritrovamento, effettuato tra sabato e lunedì a Long Island, New York, di quattro cadaveri in avanzato stato di composizione.

Si tratta presumibilmente di quattro prostitute, uccise nei mesi scorsi e recentemente scaricate da un’auto in corsa non lontano dalla Jones Beach.

A causa dell’avanzata decomposizione, l’identificazione delle quattro vittime non è facile. Tre di loro, rivelano gli inquirenti, potrebbero esser state uccise anche 18 mesi fa.

Per l’identificazione, ancora in corso in queste ore, si stanno utilizzando i calchi dentali e il DNA, confrontati con quelli di alcune prostitute scomparse nei mesi scorsi.

Le famiglie di alcune ragazze scomparse, infatti, si sono fatte avanti e stanno collaborando con gli inquirenti.

Non ci sono ancora certezze, ma due dei cadaveri potrebbero essere attribuiti a Shannon Gilbert e a Megan Waterman, rispettivamente di 24 e 22 anni, prostitute che utilizzavano il sito di annunci Craigslist per trovare clienti.

Se queste identità dovessero venir confermate, le indagini partirebbero già da un buon punto: si potrebbe scavare nel passato delle giovani e cercare di rintracciare i loro ultimi clienti.

Ma c’è anche un altro mistero legato al macabro ritrovamento: il caso è molto simile a quello registrato nel novembre del 2006 ad Atlantic City, quando i corpi di quattro prostitute furono ritrovati in una fossa di drenaggio a Egg Harbor Township, a circa 1 km dalla spiaggia.

Quei quattro omicidi, tuttora irrisolti, potrebbero presto essere legati a quest’ultimo caso.

E’ ancora prematuro affermarlo, le autorità ci stanno andando coi piedi di piombo, anche perchè confermare un fatto simile significherebbe ammettere l’esistenza di un serial killer di prostitute di lunga data.

Le indagini continuano.

Via | Press Of Atlantic City

Ultime notizie su Cold Case

Tutto su Cold Case →