UK: derisero e maltrattarono anziani affetti da Alzheimer. In carcere tre dipendenti di una casa di riposo di Bradford

Dovevano prendersi cura degli anziani ospitati nella Dales Care Home di Bradford, in Inghilterra, aiutarli a superare le loro difficoltà quotidiane, ma i tre assistenti sociali che vedete in foto, Tanzeela Safdar, 23 anni, Paul Poole, 26, e Jolene Hullah, 21, si divertivano a prenderli in giro e a terrorizzarli. I tre prendevano di mira


Dovevano prendersi cura degli anziani ospitati nella Dales Care Home di Bradford, in Inghilterra, aiutarli a superare le loro difficoltà quotidiane, ma i tre assistenti sociali che vedete in foto, Tanzeela Safdar, 23 anni, Paul Poole, 26, e Jolene Hullah, 21, si divertivano a prenderli in giro e a terrorizzarli.

I tre prendevano di mira gli anziani affetti da Alzheimer, li aggredivano, li terrorizzavano, li lasciavano indifesi e si divertivano a riprendere le loro reazioni con i telefoni cellulari.

Tutto per puro divertimento. Atti descritti in tribunale come “disumani e degradanti, ben oltre la comune decenza“. Anziani che implorano aiuto, che si coprono il volto con la mani, terrorizzati dalle risate dei tre impiegati che avrebbero dovuto prendersi cura di loro.

La vicenda è finita presto in tribunale e i tre, sulla base del Mental Capacity Act del 2005, sono stati condannati per abusi ai danni di persone con capacità mentali ridotte.

Tanzeela Safdar, la più crudele dei tre, è stata condannata a 21 mesi di carcere, 18 mesi per Jolene Hullah e solo 12 per Paul Poole.

I tre, rivelano i quotidiani locali, potranno essere rilasciati dopo aver scontato metà della loro condanna.

I proprietari della Dales Care Home, stando a quanto emerso in Tribunale, non sono in alcun modo responsabili degli abusi commessi all’interno della struttura.

Via | Bradford Telegraph Argus

Ultime notizie su Inchieste e processi

Tutto su Inchieste e processi →