Mattarella inaugura l’anno scolastico a Taranto: “Scuola motore di libertà”

Le parole di Sergio Mattarella all’inaugurazione dell’anno scolastico. Il videomessaggio di Checco Zalone

Il Capo dello Stato Sergio Mattarella si è recato oggi a Taranto dove ha inaugurato l’anno scolastico 2017-2018.

La cerimonia è avvenuta questa mattina alla presenza del ministro Fedeli e di alcune scolaresche della città. Non è mancato anche un momento “pop”, con il videomessaggio di Checco Zalone.

Il presidente Mattarella ha detto che “la cifra dello spirito che deve contrassegnare le nostre comunità scolastiche è uno spirito di vera collaborazione, unito all’entusiasmo e all’orgoglio di svolgere un compito prezioso, delicato e fondamentale, quello di educare e formare la nuova generazione di italiani, i giovani cittadini della Repubblica“.

La scuola contribuisce in misura determinante – ha aggiunto Mattarella – a far crescere la loro personalità, a radicare i loro valori, a definire e consolidare le loro speranze, a metterne alla prova intelligenza, socialità, creatività. Vi si prepara il domani della nostra civiltà e della nostra democrazia. A scuola si disegna il futuro“.

Il presidente definisce la scuola come “una grande e centrale questione nazionale“. E spiega: “Perché la scuola è motore di cultura e, quindi, di libertà, di eguaglianza sostanziale. Deve essere veicolo di mobilità sociale“.

Anche Checco Zalone, nel suo intervento, ha rimarcato l’importanza dell’educazione: “Spero studiate anche voi e formiate una classe dirigente che faccia giustizia. Ho spesso interpretato il ruolo del cafone, ma non sapete quanto ho dovuto studiare per farlo“, ha detto l’attore.