Catania: pensionato di 69 anni arrestato con l’accusa di atti sessuali con minorenni

L’arresto di un 50enne pedofilo catanese, avvenuto nell’ottobre dello scorso anno, ha dato il via ad un indagine pararella che si è conclusa in queste ultime ore con un nuovo arresto. A finire dietro le sbarre, questa volta, è stato un pensionato catanese di 69 anni, insegnante di italiano in pensione. L’anziano è stato indicato


L’arresto di un 50enne pedofilo catanese, avvenuto nell’ottobre dello scorso anno, ha dato il via ad un indagine pararella che si è conclusa in queste ultime ore con un nuovo arresto.

A finire dietro le sbarre, questa volta, è stato un pensionato catanese di 69 anni, insegnante di italiano in pensione.

L’anziano è stato indicato come pedofilo da alcune vittime del 50enne arrestato lo scorso anno. Cinque di loro, sentiti dagli inquirenti, hanno rivelato di esser stati violentati anche da un altro uomo.

Così è partita un’indagine e, dopo aver controllato i tabulati telefonici del 50enne, si è arrivati all’identificazione dell’ex professore.

Il 69enne, stando a quanto si è appreso, era solito adescare ragazzino minorenni, tra i 13 e i 15 anni, nei giardini pubblici di Catania, Adrano e Paternò.

Offriva loro dieci euro in cambio di rapporti sessuali, che venivano poi consumati in luoghi appartati.

L’uomo, finito in manette con l’accusa di atti sessuali su minorenni, si trova ora in carcere. Gli vengono contestati cinque episodi. Per altri casi non si è proceduto per insufficienza di riscontri o perché le vittime avevano superato i 16 anni.

Via | BlogSicilia