Messina: rapina in gioielleria, 6 arresti

Sorpresi mentre uscivano dalla gioielleria appena rapinata. Sei persone delle quali non sono state rese ancora note le generalità sono state arrestate a Messina dalla Squadra Mobile.Attraverso un buco realizzato con un martello pneumatico in un locale adiacente all’esercizio commerciale erano riusciti a penetrare nella gioielleria “Arimatea” di piazza Cairoli. Aperta la cassaforte con una

di remar


Sorpresi mentre uscivano dalla gioielleria appena rapinata. Sei persone delle quali non sono state rese ancora note le generalità sono state arrestate a Messina dalla Squadra Mobile.

Attraverso un buco realizzato con un martello pneumatico in un locale adiacente all’esercizio commerciale erano riusciti a penetrare nella gioielleria “Arimatea” di piazza Cairoli.

Aperta la cassaforte con una lancia termica, i rapinatori, tutti messinesi, avevano rubato orologi e preziosi per circa 30.000 euro. Il 14 agosto 2001 un colpo analogo era stato messo a segno in un’altra gioielleria di Messina fruttando 500 milioni di lire.

Gli autori del furto erano stati poi tratti in arresto dai carabinieri con l’operazione “Dirty hands”. E qualche giorno fa sempre a Messina da un’altra gioielleria era stato portato via un chilo d’oro da due distinte signore che dopo aver chiesto di vedere vari gioielli hanno approfittato di un momento di distrazione del titolare per fuggire con la refurtiva. Quello che si dice un furto con destrezza.

Via | Nettuno Press