Lodi, stalker uccide l’ex compagna a coltellate: arrestato

Una donna di 35 anni è stata uccisa oggi pomeriggio dal suo ex compagno: l’ha attesa nei pressi del suo luogo di lavoro e l’ha uccisa a coltellate.

Ancora un femminicidio nel nostro Paese, l’ennesimo delitto compiuto da un uomo che non riusciva a rassegnarsi alla fine della sua relazione, tanto da perseguitarla e pedinarla per ben due anni, fino al tragico epilogo di oggi pomeriggio.

Erano da poco passate le 14 quando un operaio italiano di 38 anni residente a Guardamiglio, in provincia di Lodi, ha ucciso a coltellate la ex compagna, una donna romena di 35 anni, in un parchetto nei pressi di via Paolo VI. L’ha intercettata mentre si stava recando a lavoro e dopo averla convinta a seguirla nel parchetto lì vicino e si è avventato su di lei brandendo un coltello.

A nulla è servito il repentino intervento dei passanti, che ancora prima dell’arrivo dei soccorsi sono riusciti a immobilizzare l’uomo. La vittima è deceduta poco dopo il suo arrivo in ospedale, mentre l’aggressore è stato tratto prontamente tratto in arresto.

Col passare delle ore sono emersi i primi dettagli di questa tragedia che segue di pochi giorni altri episodi simili. Vittima e carnefice avevano avuto una relazione, interrotta un paio di anni fa. Lui, già separato dalla moglie, non si era rassegnato alla fine del rapporto con quella donna e non aveva mai smesso di tormentarla.

Anche l’amministrazione comunale di Guardamiglio, secondo le ultime indiscrezioni, era a conoscenza della situazione in cui la donna si trovava e le aveva concesso un alloggio popolare così da permetterle di ricominciare una vita lontana da quell’uomo insieme al figlio di 13 anni.

Foto © Getty Images