UK: condannati due 15enni. Uccisero a coltellate un presunto molestatore sessuale

Si è concluso ieri a Londra il processo a carico di due adolescenti, autori dell’omicidio del presunto molestatore sessuale Robert Daley, 45enne ucciso a coltellate il 23 aprile scorso.Facciamo un passo indietro, fino al gennaio scorso: una ragazza di 16 anni torna a casa e racconta di esser stata molestata da Daley, alcolizzato e cocainomane


Si è concluso ieri a Londra il processo a carico di due adolescenti, autori dell’omicidio del presunto molestatore sessuale Robert Daley, 45enne ucciso a coltellate il 23 aprile scorso.

Facciamo un passo indietro, fino al gennaio scorso: una ragazza di 16 anni torna a casa e racconta di esser stata molestata da Daley, alcolizzato e cocainomane suo vicino di casa.

L’uomo, che si è sempre dichiarato innocente, viene arrestato, ma le autorità non riescono a trovare alcuna prova delle violenze e, il 23 aprile scorso, sono costrette a rilasciato.

A quel punto intervengono la sorella della presunta vittima e il suo fidanzato, entrambi 14enni all’epoca dei fatti.

I due decidono di organizzare una spedizione punitiva: si recano a casa di Daley, nel quartiere di Brixton, e la situazione precipita.

Si scatena una violenta lite e il 45enne viene colpito con cinque coltellate, due delle quali al cuore.

Inutile la corsa in ospedale: Daley muore e i due assassini vengono identificati grazie ai filmati di una telecamera a circuito chiuso ed arrestati.

Ieri si è concluso il processo: la giovane, ora 15enne, è stata condannata a 6 anni di carcere per omicidio colposo, mentre il suo fidanzato è stato riconosciuto colpevole di omicidio volontario e condannato all’ergastolo.

Dovrà scontare almeno 9 anni di carcere prima di poter avanzare richiesta per la libertà vigilata.

Via | Telegraph

Ultime notizie su Inchieste e processi

Tutto su Inchieste e processi →