Ludwig: Marco Furlan, condannato a 27 anni per 15 omicidi commessi tra Italia e Germania, è ufficialmente un uomo libero

Ci siamo occupati a più riprese di Marco Furlan, che tra il 1977 e il 1984, insieme a Wolfgang Abel, commise almeno 15 delitti (si sospetta che in realtà siano stati circa 28) tra Italia e Germania, mentre altre 39 persone rimasero ferite.I due, sotto il nome di Ludwig, uccisero a colpi di spranghe e


Ci siamo occupati a più riprese di Marco Furlan, che tra il 1977 e il 1984, insieme a Wolfgang Abel, commise almeno 15 delitti (si sospetta che in realtà siano stati circa 28) tra Italia e Germania, mentre altre 39 persone rimasero ferite.

I due, sotto il nome di Ludwig, uccisero a colpi di spranghe e martelli. Le vittime erano prostitute, barboni, tossicodipendenti, frequentatori di sexy club, ma anche frati e preti.

La loro “crociata purificatrice”, al grido di “Dio è con noi” (il motto delle SS), si interruppe nel 1984 quando i due, ricchi rampolli della Verona bene, vennero beccati in procinto di dare fuoco ad una discoteca di Castiglione delle Stiviere (Mantova).

Furlan, che ha scontato la sua condanna nel carcere di Opera, nell’hinterland milanese, aveva già iniziato ad uscire nell’aprile 2008.

Nel settembre 2009 era riuscito ad ottenere la libertà vigilata ed ora i giudici della sorveglianza hanno deciso che non sussiste più la pericolosità sociale: Furlan, quindi, è ufficialmente un uomo libero.

Ha beneficiato di tre condoni e di 45 giorni di liberazione anticipata per ogni semestre per buona condotta. Facendo un rapido calcolo, quindi, Furlan ha scontato 18 anni rispetto ai 27 previsti dalla sentenza.

Ora ha 50 anni e da ieri ha chiuso il suo conto con la giustizia. Quasi certamente resterà a Milano, dove ha trovato un lavoro ed ha instaurato alcune relazioni.

Ultime notizie su Serial Killer

Tutto su Serial Killer →