Cartelli “Allerta attentato” sulla spiaggia di Mentone

A meno di un mese gli avvisi Vigipirate arrivano sulle spiagge della Costa Azzurra

A quasi un mese dall’attentato di Nizza del 14 luglio, la tensione resta altissima nelle località turistiche francesi. L’impatto degli attentati dell’ultimo anno e mezzo hanno avuto effetti devastanti per il settore turistico, come dimostrano le cifre citate di recente dal segretario di stato incaricato della promozione turistica Matthias Frekl.

A Mentone, la prima città costiera che si incontra dopo avere superato il confine italo-francese di Ventimiglia, è attivo lo stato di allerta Vigipirate, ossia il piano transalpino di sicurezza nazionale ideato nel 1978 dall’allora presidente francese Valéry Giscard d’Estaing.

Su diverse spiagge di Mentone sono così comparsi dei cartelli che invitano i turisti e i mentonaschi alla cautela per il rischio di attentati. “Alert attentat – en raison des circostances” ossia “Allerta attentato – viste le circostanze” si legge sui cartelli.

In seguito all’attentato dello scorso 14 luglio, il sindaco di Mentone, Jean-Claude Guibal, ha chiesto una maggiore presenza della polizia, della gendarmeria, dei vigili urbani, vigili del fuoco e persino dell’esercito per vigilare sugli eventi in programma nella cittadina balneare della Costa Azzurra.