Sarah Scazzi: oggi la decisione sulla scarcerazione di Sabrina Misseri. In forse la testimonianza della madre Cosima

E’ iniziata oggi, alle 9.30 circa, l’udienza del tribunale del Riesame per decidere sulla richiesta di scarcerazione presentata dai legali di Sabrina Misseri, la cugina di Sarah Scazzi, in carcere dal 15 ottobre scorso con l’accusa di aver avuto un ruolo nell’omicidio della 15enne.Ne parlavamo ieri: all’apertura dell’udienza dovrebbe venir depositata la nuova confessione di


E’ iniziata oggi, alle 9.30 circa, l’udienza del tribunale del Riesame per decidere sulla richiesta di scarcerazione presentata dai legali di Sabrina Misseri, la cugina di Sarah Scazzi, in carcere dal 15 ottobre scorso con l’accusa di aver avuto un ruolo nell’omicidio della 15enne.

Ne parlavamo ieri: all’apertura dell’udienza dovrebbe venir depositata la nuova confessione di Michele Misseri, quella in cui attribuisce l’intera responsabilità alla figlia Sabrina, sostenendo di essere intervenuto solo a cose fatte, per disfarsi del cadavere.

Poi toccherà ai legali della giovane, Vito Russo e sua moglie Emilia Velletri, che dovrebbero presentare le dichiarazioni di otto persone che potrebbero tirare Sabrina fuori dai guai e fornire nuove piste agli inquirenti.

In dubbio, almeno per ora, la testimonianza di Cosima Serrano, madre e moglie dei due presunti assassini, che ieri ha rivelato di dover riferire nuovi importanti dettagli sull’omicidio della nipote Sarah.

Questi dettagli, che potrebbero scagionare Sabrina, le sarebbero stati rivelati da suo marito Michele – che solo pochi giorni fa ha accusato la figlia per l’ennesima volta – nel corso del loro primo incontro, avvenuto ieri in carcere, dal momento dell’arresto dell’uomo.

Nella notte, però, la donna ha avuto un malore ed ha richiesto l’intervento del medico di famiglia. A questo punto, almeno in mattinata, pare che la sua deposizione verrà rinviata.

AGGIORNAMENTO:
L’udienza è stata aggiornata a giovedì 11 novembre.

Ultime notizie su Inchieste e processi

Tutto su Inchieste e processi →