Nicotera Marina, omicidio: Cosimo Congiusti ucciso in un agguato

Ucciso mentre rientrava a casa. Omicidio nella serata di ieri a Nicotera Marina, nel Vibonese. Cosimo Congiusti, 53 anni, già noto alle forze dell’ordine, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco intorno alle 20. L’uomo, commerciante ambulante, sarebbe stato raggiunto alla testa da più proiettili morendo all’istante.Un’esecuzione in piena regola. Sul luogo dell’agguato

di remar


Ucciso mentre rientrava a casa. Omicidio nella serata di ieri a Nicotera Marina, nel Vibonese. Cosimo Congiusti, 53 anni, già noto alle forze dell’ordine, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco intorno alle 20. L’uomo, commerciante ambulante, sarebbe stato raggiunto alla testa da più proiettili morendo all’istante.

Un’esecuzione in piena regola. Sul luogo dell’agguato sono immediatamente arrivati i carabinieri della locale stazione, guidata dal comandante Francesco Dipinto, che hanno avviato le indagini. Scrive Il Quotidiano della Calabria:

Congiusti sarebbe stato affiliato al potente clan di Limbadi ed assieme ad alcuni esponenti della cosca, era stato coinvolto in importanti processi di ‘ndrangheta. Aveva subito una condanna per usura semplice nell’ambito dell’operazione “Odissea” condotta nel 2006 contro le cosche Mancuso e La Rosa di Tropea. Un’altra, a 6 anni, narcotraffico internazionale al termine del processo scaturito dall’operazione “Decollo” condotta dai carabinieri del Ros nel 2004 e che portò all’arresto di 150 persone ed al sequestro di 5.500 chili di cocaina con sette Paesi coinvolti (Italia, Colombia, Venezuela, Australia, Olanda, Spagna e Francia). Attualmente, invece, era sotto processo con le accuse di usura e estorsione aggravate dalle modalità mafiose nell’ambito dell’inchiesta “Impeto” che vede alla sbarra elementi di spicco dei Mancuso. Lo scorso anno, un nipote della vittima, Gregorio Congiusti, di 27 anni,era stato arrestato per l’omicidio di Carmine Cedro, 33 anni, avvenuto il 7 novembre 2009 a Gioia.

Via | Il Quotidiano della Calabria