Ancona: uccisa Giuseppina Limoncelli, arrestati figlia e genero

A provocarne la morte sarebbero state le lesioni riportate a seguito di una caduta dalle scale di casa, ma Giuseppina Limoncelli non sarebbe inciampata da sola. Ne sono convinti i militari dell’Arma, che nella serata di ieri si sono recati nell’abitazione di Colmaiore di Sassoferrato (Ancona) dove hanno constatato che l’anziana donna era deceduta.Dopo un

di remar


A provocarne la morte sarebbero state le lesioni riportate a seguito di una caduta dalle scale di casa, ma Giuseppina Limoncelli non sarebbe inciampata da sola. Ne sono convinti i militari dell’Arma, che nella serata di ieri si sono recati nell’abitazione di Colmaiore di Sassoferrato (Ancona) dove hanno constatato che l’anziana donna era deceduta.

Dopo un lungo interrogatorio i militari hanno arrestato in flagrante due persone, moglie e marito, la figlia e il genero della vittima. Si tratta di A.P. e E.L., rispettivamente di 38 e 45 anni. Scrive Il Resto del Carlino:

Alla colpevolezza dei due coniugi, i carabinieri sono risaliti dopo un lungo interrogatorio in cui la figlia della Limoncelli – che però non ha ammesso alcuna responsabilità – è caduta in contraddizione, mentre il marito ha confermato sia i violenti litigi, con percosse inferte alla vittima, protrattisi per tutta la giornata, sia che la suocera non sarebbe caduta da sola. L’uomo ha inoltre detto di non avere chiamato i soccorsi, nella speranza che si riprendesse.

E ancora:

La vicenda – secondo la ricostruzione dei carabinieri – sarebbe stata innescata da una lite tra l’uomo e la suocera. L’uomo avrebbe inflitto percosse alla donna per tutta la giornata; ai maltrattamenti si sarebbe aggiunta anche la figlia. Intorno alle 14, dopo l’ennesima violenza, la Limoncelli sarebbe rotolata giù per le scale dell’abitazione, iniziando a sanguinare copiosamente per le lesioni riportate in seguito alla caduta.

Ad avvertire i carabinieri, con una telefonata, un passante, insospettito da alcune anomalie notate nell’abitazione. I militari, giunti sul posto, hanno rilevato che la morte della Limoncelli sembrava risalire a qualche ora prima (particolare pure confermato dal personale del 118). Le molte macchie di sangue trovate sul pavimento – che suffragherebbero l’ipotesi di un episodio non accidentale -, il fatto che non erano stati chiamati soccorsi e che i due coniugi hanno ammesso d’essere stati presenti in casa al momento della caduta, ha indotto gli investigatori a concentrare le indagini sull’ambiente familiare.

Foto | Flickr