Avvocato Melzi, l’interrogato si difende: “sono stato usato”

Nell’interrogatorio del 4 aprile avvenuto davanti al GIP, dott. Salvini, l’avvocato Melzi ha sostenuto che “Sono stato preso in giro, sono stato usato dagli altri”. L’avvocato ha poi proseguito affermando: “Firmavo le carte in bianco, erano loro a operare sui conti della società di cui io ero amministratore, i soldi erano dei calabresi”. Che sia

di gaetano

Nell’interrogatorio del 4 aprile avvenuto davanti al GIP, dott. Salvini, l’avvocato Melzi ha sostenuto che “Sono stato preso in giro, sono stato usato dagli altri”. L’avvocato ha poi proseguito affermando: “Firmavo le carte in bianco, erano loro a operare sui conti della società di cui io ero amministratore, i soldi erano dei calabresi”.

Che sia vero oppure no l’avvocato sta scaricando le responsabilità sugli altri coindagati. Melzi sostiene di essere stato l’amministratore della Finmed, la società che era al centro del vorticoso giro di riciclaggio. Secca la replica del PM. Dott. Venditti “L’avvocato ha dato risposte vaghe e non soddisfacenti”. I difensori di Melzi non hanno avanzato alcuna richiesta di scarcerazione, mentre nei prossimi giorni sarà sentito dal GIP Alfonso Zoccola, uno dei boss del gruppo di cui Melzi sarebbe stato il colletto bianco. La stessa mattina in cui è stato sentito Melzi è comparso anche Mario Fera Andali che si è avvalso della facoltà di non rispondere. I media pure.

Foto: ADN Kronos

Ultime notizie su Ndrangheta

Tutto su Ndrangheta →