Madesano, omicidio: Raffaele Guarino ucciso in casa

Raffaele Guarino, 47 anni, ritenuto dagli investigatori un esponente di spicco della camorra, è stato ucciso la scorsa notte nella sua abitazione di Medesano (Parma) dove si trovava in stato di libertà vigilata. L’uomo, originario di Somma Vesuviana, sarebbe stato freddato con tre colpi d’arma da fuoco che l’hanno raggiunto al volto. Non è ancora

di remar


Raffaele Guarino, 47 anni, ritenuto dagli investigatori un esponente di spicco della camorra, è stato ucciso la scorsa notte nella sua abitazione di Medesano (Parma) dove si trovava in stato di libertà vigilata. L’uomo, originario di Somma Vesuviana, sarebbe stato freddato con tre colpi d’arma da fuoco che l’hanno raggiunto al volto.

Non è ancora chiaro se sia stato trovato cadavere nel garage di casa o nella sua camera da letto. Guarino – si legge su Pupia – in passato avrebbe avuto contrasti con esponenti del clan Aprea attivo nel quartiere napoletano di Barra e nel 2005 era già scampato a un altro tentativo di omicidio a San Giovanni a Teduccio: i sicari avevano esploso al suo indirizzo tre colpi ferendolo all’addome.

Nella zona dove abitava, in via Fenoglio, “c’era un grande via vai di macchinoni, anche con targa tedesca” raccontano ora i vicini di Guarino che sottolineano il suo modo di fare: “sapeva tutto lui era uno che voleva far vedere che aveva capito tutto della vita”. Sull’omicidio indagano i carabinieri del comando provinciale, guidati dal colonnello Paolo Cerruti.

Via | Gazzetta di Parma

Ultime notizie su Camorra

Tutto su Camorra →