Il siparietto di Djokovic con il commentatore tv: “Si pronuncia Djo-ko-vic!” | Video

Novak Djokovic concede un altro siparietto dopo il ballo sulle note di Gangnam Style con Ana Ivanovic e spiega al commentatore australiano come si pronuncia il suo cognome.

di antonio

It’s Djo – ko – vic! Djo – ko – vic!“. E il commentatore della tv australiana non può che adeguarsi. Novak Djokovic si è esibito in un altro dei suoi siparietti, stavolta durante gli Australian Open. La marcia del serbo nel torneo oceanico prosegue a gonfie vele e proprio ieri ha eliminato Radek Stepanek con il netto punteggio di 3-0 (6-4; 6-3; 7-5). Ma Djokovic ama stupire gli appassionati di tennis (e non solo) con le sue performance che sfiorano il comico. E’ un personaggio che buca il teleschermo, guascone e irriverente in uno sport tendenzialmente poco abituato a questo tipo di scenette.

Pochi giorni fa il serbo si è esibito in un rapido balletto sulle note di Gangnam Style insieme alla sua connazionale, Ana Ivanovic, nel corso della partita contro contro i tedeschi Tatiana Malek e Thanasi Kokkinakis valida per la Hopman Cup. La tennista si è dapprima coperta il volto dall’imbarazzo quando Djokovic l’ha chiamata per ballare in mezzo al campo, durante lo stacco musicale, poi si è convinta diventando rossa in viso. Una situazione simile era capitata con Almagro (evidentemente Djokovic ama alla follia la hit sudcoreana) durante il Taiwan Tour del 2012.

Ma quando c’è poco da scherzare Djokovic sa essere anche durissimo: “E’ Una vergogna per lo sport. Sarebbe ridicolo da parte sua negare l’evidenza perché ci sono migliaia di prove; è una vergogna per lo sport avere un atleta come lui“, ha affermato il serbo in riferimento alla vicenda che ha coinvolto Armstrong, nel ciclismo. Poi una rivelazione che dovrebbe far riflettere tutti gli amanti del tennis e dello sport in generale: “Gli esami antidoping del sangue erano più regolari due o tre anni fa. Non conosco il motivo per il quale si sono fermati“.


Ultime notizie su Australian Open

Tutto su Australian Open →