Napoli, arrestato il re delle truffe Vincenzo Fabiano: 7 false identità accertate

Vincenzo Fabiano, il re delle truffe, è stato arrestato ad Afragola dopo due anni di latitanza: lo attende una condanna a 10 anni, 6 mesi e 20 giorni di carcere.

Era latitante da due anni e finora era riuscito a farla franca. Ieri, però, è stato bloccato mentre si stava recando a trovare sua figlia ad Afragola e per lui si sono aperte le porte del carcere. Lui è il “re delle truffeVincenzo Fabiano, pluripregiudicato originario proprio di Agragola, nel Napoletano, e ricercato in tutto il Paese per numerose truffe compiute a partire dal 2001 da una parte all’altra dell’Italia.

Dopo lunghe indagini fatte di osservazione e pedinamenti delle persone vicine a Fabiano, il latitante ha abbassato la guardia e le autorità erano lì per bloccarlo. L’uomo, ormai scoperto e circondato dagli agenti, si è lasciato arrestare senza opporre resistenza.

Dall’agosto 2011 ad oggi, tanto è durato il periodo della sua latitanza, si stima che l’uomo abbia utilizzato almeno 7 diversi alias per sfuggire alla cattura e continuare la sua attività di truffatore fornendo assegni a vuoto ai malcapitati, tutte false identità diverse da quelle già conosciute che gli avevano permesso di portare avanti le truffe per cui è stato incriminato.

Ad attenderlo c’è una condanna a 10 anni, 6 mesi e 20 giorni di carcere, un cumulo di pene emesso dalla Procura di Isernia per furto aggravato, truffa, sostituzione di persona, evasione dagli arresti domiciliari, falso ideologico, falso materiale e ricettazione. Fabiano è già stato condotto nel carcere di Poggioreale, dove ha cominciato a scontare la sua condanna.

Foto © Getty Images – Tutti i diritti riservati