Arrestato Luigi Galletto, boss latitante del clan Contini

L’annuncio dell’arresto del boss Galletto è stato dato direttamente dal ministro dell’Interno e vicepremier Angelino Alfano, al termine del Consiglio dei ministri di oggi.

di remar

Manette ai polsi per il presunto boss della Camorra Luigi Galletto, 59 anni, ritenuto un elemento di spicco del clan napoletano Contini, l’uomo che secondo gli investigatori teneva la borsa dell’organizzazione conservando il libro mastro degli stipendi degli affiliati.

L’annuncio dell’arresto è stato dato direttamente dal ministro dell’Interno e vicepremier Angelino Alfano, al termine del Consiglio dei ministri di oggi. Galletto era ricercato da oltre un anno in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per le accuse di estorsione e usura.

Giggino ‘o nfermiere (l’infermiere), questo il soprannome di Galletto, sarebbe stato bloccato dalla polizia in mattinata a Napoli mentre si trovava in auto nei dintorni della stazione Garibaldi. Il clan Contini ha la sua base nel quartiere Arenaccia del capoluogo partenopeo.

Giusto due giorni fa era stato arrestato un altro latitante considerato appartenente all’organizzazione camorristica. Gli agenti della sezione Catturandi della mobile di Napoli in collaborazione con i colleghi Squadra mobile di Roma e del Servizio centrale operativo lo hanno scovato in una villa a Ostia Antica. L’uomo, di 46 anni, secondo la polizia era pronto a lasciare il territorio nazionale.

© Foto Getty Images – Tutti i diritti riservati

Ultime notizie su Camorra

Tutto su Camorra →