Zebre: servono almeno un paio di colpi di mercato

Tra le priorità della nuova società trovare un estremo, ma non solo. In mischia servono diversi uomini.

Una rosa ridotta all’osso dopo due stagioni difficili in campo, ma soprattutto fuori. L’impossibilità di lavorare concretamente su un mercato in entrata con la vecchia società a barcamenarsi tra i debiti e la nuova che è arrivata solo da pochi giorni a essere operativa. E molti addii dovuti proprio alla situazione precaria e senza certezze degli ultimi mesi.

Così a oggi la rosa delle Zebre è composta da soli 35 giocatori, con poche alternative in quasi tutti i ruoli. Gli uomini di mischia sono solo 20, troppo pochi per pensare di disputare un’intera stagione, mentre nella trequarti spiccano gli addii di Edoardo Padovani e Kurt Baker (che secondo informazioni giunte a Rugby 1823 dovrebbe comunque restare in Europa), che hanno lasciato il solo Matteo Minozzi nel ruolo di estremo. Se si paragona la rosa bianconera a quella, per esempio, di Treviso si nota come a Parma servano un paio di colpi importanti di mercato e altri acquisti per coprire una coperta che a oggi è cortissima.

Se a ciò si aggiunge che, ufficialmente, non sono stati neppure annunciati gli arrivi da Calvisano e dalle Fiamme Oro (ma che abbiamo inserito qui sotto in rosa) e che Maxime Mbandà sarà ai box fino a novembre, mentre sono ancora incerti i tempi di recupero di Andrea Manici, si capisce che i problemi sono ancora tanti. Un estremo d’esperienza, per iniziare, è d’obbligo (qualcuno cita Halfpenny, ma è probabile che più che all’estremo gallese ci si riferisca ai soldi trovati nelle casse societarie), ma anche un uomo almeno in ogni ruolo in mischia (esclusi i tallonatori) e, inoltre, almeno un altro trequarti.

ZEBRE – rosa 2017/18
Prima linea
Dario Chistolini, Tommaso D’Apice, Andrea De Marchi, Oliviero Fabiani, Bartholomeus Le Roux, Andrea Lovotti, Luhandre Luus, Andrea Manici, Sami Panico, Roberto Tenga
Seconde/Terze linee
Valerio Bernabò, George Biagi, Gideon Koegelenberg, Leonard Krumov, Renato Giammarioli, Maxime Mbandà, Johan Meyer, Derick Minnie, Jacopo Sarto, Andries Van Schalkwyk
Mediani di mischia
Guglielmo Palazzani, Riccardo Raffaele, Marcello Violi
Mediani di apertura:
Maicol Azzolini, Serafin Bordoli, Carlo Canna
Centri/Ali
Faialaga Afamasaga, Mattia Bellini, Giulio Bisegni, Tommaso Boni, Tommaso Castello, Gabriele Di Giulio, Matteo Pratichetti, Giovanbattista Venditti
Estremi
Matteo Minozzi

Ultime notizie su Guinness Pro14

Tutto su Guinness Pro14 →