Meningite in Toscana: a Pescia morta una donna di 65 anni

Secondo caso di meningite in pochi giorni in Toscana: morta a Pescia una pensionata di 65 anni. Era morto un uomo di 58 anni, trasferito a Pisa da Empoli.

Un nuovo caso di meningite in Toscana nel giro di pochi giorni: dopo la morte di un 58enne avvenuta lo scorso 21 gennaio 2016 dopo il trasferimento da Empoli all’ospedale di Pisa, c’è da registrare il decesso di una donna, una pensionata di 65 anni, a Pescia.

La signora era stata ricoverata sabato sera al pronto soccorso dell’ospedale di Pescia con la febbre alta. È stata spostata nel reparto di terapia intensiva dove è morta alle prime ore di ieri, domenica 31 gennaio 2016, dopo che la sua situazione era notevolmente peggiorata. Alla donna era stata diagnosticata un’infezione da meningococco di tipo C.

L’Asl ha provveduto ad attivarsi, attraverso il suo dipartimento di prevenzione, per effettuare l’indagine epidemiologica e, tramite l’unità funzionale di igiene e sanità pubblica ha sottoposto a profilassi tutti coloro che sono entrati in contatto con la vittima. La donna svolgeva una vita sociale piuttosto riservata, per questo le persone sottoposte a profilassi presso gli ambulatori di Villa Ankuri a Massa e Cozzile sono soprattutto famigliari.