Mestre, si sveglia senza 70mila euro: se li è giocati online il figlio

Una brutta storia di ludopatia.

Prende la carta di credito dal portafoglio del papà, copia il numero, la data di scadenza, il codice riportato sul retro e la rimette al suo posto senza che il genitore si accorga di nulla.

Quando il padre va a letto, il ragazzo di 19 anni si attacca al computer e inizia a giocare d’azzardo online. Il giorno dopo, il padre scopre di avere 70mila euro in meno sul conto corrente.

La storia, avvenuta a Mestre, è stata raccontata dall’associazione “Gruppo giocatori anonimi”, uno dei gruppi che seguono le persone che sono state prese in carico dal Servizio per le dipendenze.

Ma come si fa ad arrivare a perdere una cifra simile senza rendersene conto? Secondo il gruppo, esperto in ludopatia, o il ragazzo non si è nemmeno reso conto di quanti soldi stesse perdendo oppure la sua dipendenza del gioco era già fuori controllo.