Roma, omicidio: Massimiliano Garsevic ucciso al Laurentino. Arrestato Giancarlo Di Francesco

Ucciso sul pianerottolo di casa. Omicidio nella serata di ieri a Roma nel quartiere Laurentino. Un uomo di 34 anni, Giancarlo Di Francesco – secondo una prima ricostruzione dei fatti – si è presentato a casa del suo vicino Massimiliano Garsevic, di 42 anni, e l’ha ucciso con due colpi di pistola, uno al torace

di remar


Ucciso sul pianerottolo di casa. Omicidio nella serata di ieri a Roma nel quartiere Laurentino. Un uomo di 34 anni, Giancarlo Di Francesco – secondo una prima ricostruzione dei fatti – si è presentato a casa del suo vicino Massimiliano Garsevic, di 42 anni, e l’ha ucciso con due colpi di pistola, uno al torace e l’altro alla testa.

In casa c’era anche la convivente dell’uomo rimasta illesa. All’origine di tutto ci sarebbe una lite scoppiata tra i due nel centro anziani di via Pea dove Garsevic avrebbe aggredito alcuni pensionati e, affrontato da Di Francesco, avrebbe preso a schiaffi anche lui.

«Verso le 16 di venerdì, Massimiliano è entrato nel centro anziani e ha picchiato alcuni pensionati che giocavano a carte, tra loro anche alcuni disabili. Era presente anche Giancarlo, il ragazzo arrestato, che ha ricevuto due o tre schiaffi. Abbiamo chiamato le forze dell’ordine però non sono venute perchè lui è andato subito via», ha raccontato un testimone.

Di Francesco poco dopo l’omicidio è stato fermato dai carabinieri della Compagnia Roma Eur che stanno conducendo le indagini.

«Massimiliano beveva sempre, picchiava gli anziani. Avevamo tutti paura di lui», raccontano ora alcuni vicini di Garsevic al Laurentino 38. Per tutti era “il culturista”. «Era un “cristone” enorme, faceva palestra, nessuno osava ribellarsi – dice un’anziana – negli ultimi giorni era ancora più nervoso. Era stato licenziato, prima faceva lo spazzino».

Via | Roma Today