Sondrio: sacerdote Secondo Bongiovanni condannato per abusi sessuali su 12enne

Secondo Bongiovanni, sacerdote 56enne originario di Alba (Cuneo) e residente a Padova, è stato condannato a Sondrio per abusi sessuali ai danni di un minore di 12 anni. Il processo si è svolto con rito abbreviato. Al religioso sono stati inflitti 10 mesi di reclusione perché ritenuto colpevole di aver compiuto atti sessuali in presenza

di remar

Secondo Bongiovanni, sacerdote 56enne originario di Alba (Cuneo) e residente a Padova, è stato condannato a Sondrio per abusi sessuali ai danni di un minore di 12 anni. Il processo si è svolto con rito abbreviato.

Al religioso sono stati inflitti 10 mesi di reclusione perché ritenuto colpevole di aver compiuto atti sessuali in presenza di un dodicenne ad agosto 2008, durante una vacanza a Bormio all’interno del locale stabilimento termale. Il prete – secondo le accuse che gli venivano mosse – aveva poi tentato di proseguire nelle molestie nella piscina dello stabilemento chiedendo al minorenne di toccarlo nelle parti intime. Il ragazzo si era rifiutato e subito dopo aveva raccontato ai genitori l’accaduto facendo scattare la denuncia ai carabinieri.

Il giudice ha valutato l’aggravante di aver commesso i fatti in violazione dei doveri derivanti dalla qualità di religioso decidendo per l’interdizione in perpetuo da qualsiasi ufficio attinente alla tutela e alla curatela e, inoltre, l’interdizione perenne da qualunque incarico nelle scuole di ogni ordine e grado e da qualsiasi ufficio o servizio in istituzioni o altre strutture pubbliche o private frequentate prevalentemente da minori.

Via | Il Gazzettino