Mike Phillips: si ritira il bad boy gallese

Il mediano di mischia ha annunciato che appenderà gli scarpini ai chiodi a fine stagione. Per lui 94 caps con il Galles.

“Ho speso molti soldi in alcol, donne e auto veloci. Il resto l’ho sperperato” diceva George Best e, probabilmente, una frase simile potrebbe dirla anche Mike Phillips. Anche se sul mediano di mischia del Galles non si sa se sia appassionato di auto. Sicuramente, però, di donne e alcol sì e la sua carriera ne è stata costellata. Una carriera che si concluderà tra poche settimane, dopo 16 anni sui campi da rugby.

William Michael “Mike” Phillips è nato a Carmarthen, in Galles, il 29 agosto 1982, figlio di un contadino e di un’insegnante. Cresciuto nelle giovanili del Whitland RFC, passò poi al Carmarthen RFC, giocando per quasi tutta la carriera juniores come flanker. Nel 2001 arriva agli Scarlets, dove debutta in prima squadra. In carriera vestirà le maglie degli Scarlets, dei Cardiff Blues, degli Ospreys, prima di cercare fortuna all’estero con il Bayonne, il Racing 92 e, ora, con i Sale Sharks.

In nazionale Mike Phillips arriva nel 2003, debuttando con meta contro la Romania. Esordisce nel 2006 nel Sei Nazioni e lo fa contro l’Italia. In tutto Mike Phillips indosserà la maglia del Galles ben 94 volte, mettendo a segno 45 punti. Ha anche partecipato ai tour del 2009 e del 2013 dei British & Irish Lions, giocando cinque match e segnando una meta.

Ma, come detto, la carriera del numero 9 gallese è stata anche molto donne e alcol. E dolori. Sicuramente la donna più famosa al suo fianco è stata Amie Duffy, cantante gallese. Passando all’alcol, invece, nel 2008 venne ricoverato dopo una rissa in un night club, mentre nel 2011 venne sospeso dalla squadra in ritiro per i Mondiali per un altro incidente notturno a Cardiff. Nel 2012, infine, venne cacciato dal Bayonne per i suoi comportamenti “inaccettabili” fuori dal campo.