Coca-Cola sostiene i francesi nell’affaire Titan-Montebourg

Nuovi sviluppi nell’affaire che oppone il Ministro francese Arnaud Montebourg al patron di Titan International, Maurice Taylor.

di sara

Dopo gli “scambi d’opinione” piuttosto accesi tra il Ministro Arnaud Montebourg e il patron di Titan International, Maurice Taylor, con tanto di botta e risposta transoceanici che avevano recentemente portato il politico francese a rimbalzare la lettera al limite dell’insulto indirizzatagli proprio dall’americano qualche giorno fa, l’alterco prosegue su toni sempre più velenosi e entra in campo un nuovo attore pronto a sostenere Montebourg che, da parte sua, dopo aver rotto il silenzio osservato all’inizio, non ha esitato a qualificare i propositi di Taylor come estremisti e denigratori, dai modi “talmente diretti da essere al limite” che ha già dimostrato più volte. E si tratta di un sostenitore americano per giunta, dal nome più che noto. Coca-Cola Entreprise, che ha investito più di 400 milioni di euro in Francia nel corso degli ultimi cinque anni e conta di fornirne altri 66 nel 2013, al fine di assicurare lo “sviluppo industriale” delle sue cinque industrie tricolore, parla attraverso le parole del Direttore Generale Tristan Farabet che afferma:

Profondamente convinto dell’interesse, dell’opportunità, ma anche della responsabilità sociale che implica il produrre in Francia, oggi desideriamo partecipare ancora più attivamente alla promozione dell’attrattiva del territorio francese per le imprese straniere.


Decisamente un altro tono rispetto a quello di Taylor:

Lei afferma che io sono un estremista, ma devo confessare che la maggior parte degli uomini d’affari sensati sarebbero d’accordo con me nel dire che sono stato pazzo ad aver avuto l’idea di spendere milioni di dollari per comprare una fabbrica di pneumatici in Francia e versare stipendi tra i più alti del mondo…L’estremista Signor ministro è il suo governo e la sua mancanza di conoscenza sulla maniera di metter su un’impresa. .. Dato che è lei a parlarne, perché il tasso di disoccupazione è così elevato in Francia, soprattutto per i giovani ? E’ a causa della politica del suo Governo, Signore.

Dedito, come tanti suoi connazionali e non solo, a un altro bell’esempio di French bashing (per il quale è già noto da tempo), che non giova in una corrispondenza di date che vede Parigi costretta a ridurre drasticamente le sue prospettive di crescita http://emploi.blog.lemonde.fr/2013/02/22/bruxelles-ne-croit-pas-a-la-baisse-du-chomage-fin-2013-paris-encore/ mentre Bruxelles non sembra più credere alle prospettive di riduzione dei disoccupati promosse dal Ministro del Lavoro Michel Sapin.

Photo by KENZO TRIBOUILLARD/AFP/Getty Images

Via | lemonde.fr

Titan risponde alla Francia insultando gli operai di Goodyear


Maurice M. Taylor Jr, Presidente del gigante americano Titan International non le manda a dire e per illustrare le ragioni che lo hanno spinto a rifiutare di acquisire la fabbrica Goodyear d’Amiens, nel nord della Francia. La possibilità, sostenuta dal Ministro del Recupero produttivo Arnaud Montebourg, era stata infatti ampiamente combattuta dai sindacati, che sono direttamente tirati in ballo nelle ragioni del rifiuto.
Sono proprio loro uno dei motivi della rinuncia alle trattative del grande gruppo che non ha esitato a inviare una lettera infuocata al ministro, che si era limitato a comunicare che Titan “non sarebbe tornata indietro”, senza dare ulteriori spiegazioni che si impongono oramai dato il polverone sollevato dalla pubblicazione dell’intero testo della missiva, in lingua originale e traduzione francese in esclusiva sul sito del quotidiano “Les Echos”.
Ve ne abbiamo tradotto in italiano qualche estratto indicativo:

Ho visitato questa fabbrica più volte. Gli operai francesi prendono stipendi elevati ma lavorano solo tre ore. Hanno un’ora per le pause e per il pasto, discutono per tre ore e lavorano tre ore. L’ho detto in faccia ai sindacalisti francesi e mi hanno risposto che in Francia funziona così (…) La vostra lettera indica che volete che Titan intavoli una discussione. Pensate che siamo così stupidi? Titan ha il denaro e la competenza per produrre pneumatici. chi ha i sindacati folli? E’ il governo francese. Titan comprerà un fabbricante di pneumatici cinese o indiano, che pagherà meno di un euro di salario l’ora e esporterà tutti i pneumatici dei quali la Francia ha bisogno. potete tenervi i vostri cosiddetti operai. Titan non è interessata al sito d’Amiens nord.

Nell’immagine membri del sindacato francese CGT lasciano la fabbrica di pneumatici appartenente al gruppo americano Goodyear. Amiens, nord della Francia, 7 febbraio 2013. AFP PHOTO PHILIPPE HUGUEN (Photo credit should read PHILIPPE HUGUEN/AFP/Getty Images)

Via | lesechos.fr/economie-politique