Sarah Scazzi: Sabrina Misseri resta in carcere, il padre Michele pronto a ritrattare sul vilipendio di cadavere

Sabrina Misseri, accusata di concorso in omicidio e sequestro di persona nel delitto Sarah Scazzi, resta in carcere. Almeno per ora.Il gip, dopo aver convalidato il fermo, si è riservato di decidere entro 48 ore se emettere ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Sabrina o se liberarla.Lei continua a sostenere la sua


Sabrina Misseri, accusata di concorso in omicidio e sequestro di persona nel delitto Sarah Scazzi, resta in carcere. Almeno per ora.

Il gip, dopo aver convalidato il fermo, si è riservato di decidere entro 48 ore se emettere ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Sabrina o se liberarla.

Lei continua a sostenere la sua innocenza, mentre suo padre, Michele Misseri, è pronto a ritrattare parte della sua confessione, l’ultima, quella della violenza sessuale sul corpo senza vita di Sarah.

A rivelarlo è stato il suo legale, Daniele Galoppa:

Il mio assistito ha chiesto di incontrare i magistrati perché vuole ritrattare l’ultima parte della sua confessione per fornire una versione più credibile o forse per far chiudere più rapidamente le indagini. Si tratta di qualcosa che potrà anche essere accertato. Il povero Michele Misseri non contava nulla in casa sua, era accerchiato in un gineceo e non gestiva neppure un centesimo.


Qualcuno gli ha detto che sua figlia Sabrina è in carcere e Misseri, secondo Galoppa, non l’avrebbe presa affatto bene: “Cercherò di scoprire da chi l’ha saputo perché è un fatto gravissimo. È spaventato come lo sarebbe qualunque altro padre“.

La data del nuovo interrogatorio non è stata ancora fissata. Ne sapremo di più nelle prossime ore.

Ultime notizie su Sarah Scazzi

Tutto su Sarah Scazzi →