Roma, botte e maltrattamenti all’asilo: 2 maestre ai domiciliari

Una maestra e la coordinatrice di una scuola materna di Roma sono finite ai domiciliari con l’accusa di maltrattamenti e percosse ai danni dei bimbi che frequentavano l’istituto.

Una maestra d’asilo di 57 anni e la coordinatrice di una scuola pubblica per l’infanzia in zona Tiburtina, a Roma, sono finite ai domiciliari dopo che una delicata indagine degli agenti del commissariato San Basilio ha fatto emergere diversi episodi di maltrattamenti e percosse nei confronti dei giovani ospiti della struttura.

Una situazione di terrore. Così è stato descritto dagli inquirenti il clima all’interno dell’aula della maestra, impegnata ad umiliare fisicamente e verbalmente i bambini, tutti di età compresa tra i 3 e i 5 anni, costringendoli perfino ad asciugare la pipì dal pavimento o ad insultarsi a vicenda.

Le umiliazioni, secondo quanto emerso, erano all’ordine del giorno. A maltrattare i bimbi sarebbe stata la maestra – incastrata dalle telecamere installate in segreto dagli inquirenti dopo le segnalazioni dei colleghi della donna e dei familiari delle vittime – mentre la coordinatrice si sarebbe limitata a coprirla, non prendendo alcun provvedimento nei suoi confronti nonostante le numerose denunce dei colleghi.

Le altre maestre avevano cercato di fare qualcosa, ma parlando con la coordinatrice si erano trovate di fronte un muro. Da qui la decisione di rivolgersi alle autorità. Si è così scoperto che i comportamenti violenti della donna non emergevano mai in presenza di altre persone, solo quando si trovava in classe coi bimbi.

Le indagini hanno permesso di accertare che la maestra era arrivata al punto da incitare i bambini più grandi ad umiliare e denigrare i più piccoli. Lo stesso comportamento violento era riservato ai bambini portatori di disagi o difficoltà psicoinfantili, che venivano umiliati e apostrofati con termini come “scemo“, “bastardo” e “zozzo“.

In almeno un caso, ripreso dalle telecamere, la donna avrebbe costretto un bimbo, colpevole di essersi fatto la pipì addosso, ad asciugare per terra con un fazzoletto dopo essere stato minacciato di violenza dalla maestra.

Le due, dopo la raccolta di prove nei loro confronti, sono state arrestate con l’accusa di maltrattamenti e percosse e poste agli arresti domiciliari.

Foto © Getty Images – Tutti i diritti riservati

I Video di Blogo

Parma, poliziotto da un calcio in faccia a un manifestante a terra (VIDEO)