Australian Open 2013: Djokovic annienta Harrison, prestazione superlativa del serbo

Djokovic si qualifica agevolmente al terzo turno degli Australian Open, superando, con una prestazione super l’americano Harrison. Prossimo avversario, il ceco Radek Stepanek

 

Prestazione straordinaria di Novak Djokovic. Il serbo ha travolto 6-1; 6-1; 6-3 l’americano Ryan Harrison nel match valido per il secondo turno degli Australian Open. Partita stradominata dal numero uno del mondo che “avvisa” i rivali. Se Nole dovesse confermarsi su questi livelli non c’è ne è per nessuno. Si è intuito fin dai primi scambi che per Harrison c’era davvero poco da fare. Con un parziale schiacciante di 13 punti a 1, Djokovic si issa sul 3-0 nel primo set e da lì inizia il suo show. In appena venti minuti incamera il 6-1. Nemmeno il tempo di metabolizzare la batosta che Harrison subisce un altro doppio break e un altro 6-1. Davvero impressionante la velocità di palla nei colpi assestati al serbo che al servizio ha concesso, nei primi due set, la miseria di quattro punti al malcapitato americano, costretto, suo malgrado, al ruolo di spettatore non pagante in quella che si è trasformata prestissimo in una piacevolissima lezione di tennis. Nel terzo set, Djokovic, non abbassa il ritmo ma continua a martellare. Arriva un altro break, l’ennesimo, nel game di apertura. Impossibile impensierirlo. Spettacolare un vincente in risposta a una battuta di Harrison a 223 km/h. Non è da meno il rovescio con il quale Nole trova angoli incredibili. L’americano, stavolta, non crolla ma non può far nulla per evitare un onorevole 6-3. Al prossimo turno per Djokovic c’è l’incrollabile Radek Stepanek. Dopo aver eliminato Troicki, il ceco, dal tennis tutto d’attacco, ha superato nettamente un altro avversario di livello come Feliciano Lopez sconfitto nettamente 6-2; 6-2; 6-4. Conoscendolo, Stepanek non rinuncerà alla sua tattica. Lecito quindi attendersi un’altra sfida spettacolare.

 

Foto | © Getty Images

Ultime notizie su Australian Open

Tutto su Australian Open →