Affari italiani: il governo toglie il sostegno alla candidatura mondiale?

Secondo La nuova Venezia mancherebbero i fondi promessi dal governo ad Alfredo Gavazzi per ospitare la Rugby World Cup 2023.

Una retromarcia inaspettata che potrebbe mettere in forte dubbio la candidatura italiana a ospitare i Mondiali di rugby del 2023. Secondo quanto scrive “La nuova Venezia”, infatti, sarebbero in forte dubbi i fondi governativi assicurati sin qui alla manifestazione. Fondi fondamentali per garantire la solidità economica alla manifestazione e, dunque, la candidatura potrebbe saltare.

Alfredo Gavazzi, come si legge sempre sul quotidiano locale, sarebbe stato informato della situazione e a Roma regna il pessimismo. Un dietrofront che può avere molte chiavi di lettura, che vanno dalle perplessità dell’esecutivo sulla reale forza della candidatura al contraccolpo che il “no” della Giunta Raggi alle Olimpiadi di Roma ha avuto sulle infrastrutture, con sia l’Olimpico sia il Flaminio che erano inseriti nel dossier federale per la RWC.